Il suono del mondo a memoria

Un graphic novel dai toni nostalgici. Pagine su pagine di parole a ruota libera senza però emettere un suono. Il protagonista, infatti, per tutta la durata della narrazione, non parlerà con nessuno ma ci renderà partecipi dei suoi pensieri.

L’autore riesce a mettere in scena ciò che di solito accade nella nostra testa: pensieri che sgomitano passando da un fotogramma all’altro.

Sam, il protagonista, scatta fotografie, e invece di riguardarle immediatamente nello schermo della sua fotocamera, chiude gli occhi e le osserva dentro di lui, in un luogo protetto da sguardi indiscreti.

Sam e Jorge si conoscono dai tempi del liceo, la loro amicizia li porta a fondare una rivista che nel giro di sei anni diventa un settimanale cartaceo e un quotidiano on line con dei dipendenti e perfino dei collaboratori esterni. In dieci anni il giornale cresce ancora e il loro entusiasmo rimane costante. Sam si occupa principalmente di fotografia: il più grande amore della sua vita, anche se per colpa sua, tutte le sue relazioni naufragano, compresa l’ultima, insieme alla consapevolezza che ‘lei’ fosse quella giusta.

Il gioco prevede che Sam viva a New York per due mesi, senza parlare con nessuno, eccezione fatta per il suo editor, e senza mangiare nello stesso posto per più di due volte, scrivendo nel frattempo un articolo che riguardi questa avventura.
Una sfida che aiuta il protagonista a non pensare alla su ex, ma al tempo stesso disorienta il lettore che comincerà a capire qualcosa di quello che succede a testo inoltrato.
La città viene dipinta come un’entità viva, pulsante; ma della città vera e propria, al lettore appaiono solo tanti disegni d’insieme, perché le reali protagoniste del graphic novel sono le elucubrazioni mentali del protagonista e poi, sì insomma, quella ragazza con i capelli rossi.

La caoticità di New York, le pietanze succulente, la luce disegnata per riflettersi sui palazzi e sulle persone, gli sfondi che fanno da cornice ai personaggi e il senso di smarrimento del protagonista, che sarà anche un po’ il vostro, contribuiscono a rendere questo graphic novel una poesia moderna.

Sul mio account Instagram @lascrittoraportentosa trovi lo stesso post ma con annesso video e sfoglio del libro.

Rispondi